HDRFactory

| 13/12/2012 | 5.251 Letture |

HDR in pochi click con HDRFactory di Akvis
E`senza dubbio la tecnica fotografica del momento, stiamo parlando dell’HDR (High Dynamic Range); vediamo insieme come realizzare fotografie stupefacenti in pochi passi con il software HDRFactory di Akvis
Sarà moda o – vista l’attuale offerta dei mezzi digitali – semplicemente il frutto dei nostri tempi, ma sta di fatto che l’HDR (High Dynamic Range) inteso come tecnica fotografica sta spopolando sia tra gli amatori che tra i professionisti, al punto che molti corsi di fotografia professionale ne fanno uno degli elementi fondamentali del proprio percorso didattico e servizi online come Groupon o LetsBonus pullulano di occasioni e offerte.
Le soluzioni a disposizione, per chi volesse cimentarsi con questo tipo di fotografia, sono molteplici e di vario tipo: si va dalle macchine e dai telefonini (in questo caso i risultati sono parecchio discutibili) che realizzano scatti HDR on-board, fino alle tecniche più efficaci di post produzione.
Abbiamo detto High Dynamic Range, ovvero Elevata Gamma Dinamica; la gamma dinamica (che corrisponde alla latitudine di posa della pellicola) non è altro che la capacità di catturare in una determinata scena dettagli leggibili tanto alle alte luci, quanto nelle zone d’ombra. L’unico modo possibile per avere una esposizione corretta (e grande dettaglio) in tutte le zone del quadro (soprattutto se si tratta di una scena con forti contrasti luci/ombre) è quello di realizzare più scatti con varie esposizioni e fonderli in unica foto: questo è l’HDR.
Tra le varie possibilità a disposizione sul mercato, abbiamo deciso di usare HDRFactory prodotto da Akvis, un software semplicissimo e con un rapporto qualità/prezzo eccezionale.
Si comincia, partiamo dagli scatti; armatevi di un po di pazienza e, una volta posizionata la macchina e stabilita l’inquadratura, eseguite cinque scatti con cinque esposizioni differenti: una corretta, -1 stop, -2 stop, +1 stop e +2 stop.
Sembrerà strano ma il grosso è fatto. A questo punto lanciate HDRFactory (l’apertura del software è velocissima e l’interfaccia semplice ed intuitiva) e importate i vostri cinque scatti; in circa un minuto e mezzo avviene l’importazione e l’elaborazione in HDR con i settaggi di default, si perché, una volta presa dimestichezza con il programma, potrete sbizzarrirvi e creare dei preset ad hoc intervenendo sui vari parametri.
Vi garantiamo che i risultati sono stupefacenti, prestate solo un po’ di attenzione nello scattare le foto: in particolare, fate in modo che non ci siano movimenti e impostate valori ISO il più bassi possibile onde evitare la comparsa di rumore dopo l’elaborazione. Oltre alle varie regolazioni possibili, che rendono il tutto estremamente divertente e personalizzabile, vi segnaliamo anche la funzione di simulazione HDR che permette di intervenire anche sulle singole immagini.
HDRFactory di Akvis è in vendita nella versione Home al prezzo di 63 euro, ma è anche possibile provarlo gratuitamente per dieci giorni.

Tags: ,

Categoria: Photo Editing

Discuti su Facebook