Red: Scarlet & Epic

| 16/08/2010 | 1.197 Letture |

Mentre Canon e Nikon cercano di dare nuova linfa vitale alle rispettive reflex introducendo la possibilità di registrare filmati, c’è chi è già andato molto oltre, presentando un corpo totalmente modulare in grado di fare foto o video senza problemi e a risoluzioni veramente esagerate.

Ora RED ci riprova, presentando Scarlet e Epic, due nuovi sistemi componibili dalle prestazioni inimmaginabili. Basati entrambi sul sensore Mysterium, potranno aggiungere al corpo tutta la nuova gamma componenti messa a punto da RED, adattandole veramente a qualsiasi siano le esigenze dei facoltosi proprietari. Il sensore sarà disponibile in diverse versioni, da quello in grado di scattare immagini a 4,9 Mpixel e registrare video con risoluzione 3K (più di una volta e mezza del FullHD), a quello terrificante da ben 251 Mpixel per gli still e 28K per il movimento! Ovviamente sarà possibile costruirsi la propria reflex digitale così come una videocamera professionale o qualsiasi sfumatura possa esistere nel mezzo.

Scarlet & Epic - RED

La soluzione di RED, come annunciato da Jannard sul sito ufficiale, sarà in grado di avvalersi di tutte le ottiche Canon e Nikon tramite adattatori, senza dimenticare la possibilità di trasformare la propria creazione, termine probabilmente più adatto ai prodotti RED vista la loro estrema capacità di personalizzazione, in una vera e propria apparecchiatura per l’alta definizione di 3D.

Manca un sistema vero e proprio di autofocus ma sembra che la cosa non abbia impensierito i già moltissimi nomi importanti della cinematografia e della fotografica che hanno tessuto le lodi della precedente RED One e, se la compagnia riuscirà a bissare il successo ottenuto, forse porterebbe veramente una ventata di aria nuova sul mercato, cambiando radicalmente l’approccio degli acquirenti quando si parla di comprare attrezzatura per foto o videocamere.

RED Scarlet - EPIC

Neanche a sperare per adesso in qualcosa per il mercato consumer, ma neanche per quello prosumer: le apparecchiature della RED costano prezzi folli per l’utente comune e date le loro prestazioni potrebbero presentare costi accessori ancora più ingenti. Pensiamo infatti allo spazio che servirebbe per contenere un flusso 28K a 24 fps o all’hardware necessario per il postprocessing, stesso discorso per una foto in RAW con una risoluzione di 251 Mpixel. Qui si parla quindi di impianti da milioni di € per avvantaggiarsi dei benefici di tali mostruose caratteristiche tecniche, non basta certo una workstation anche se discretamente potente. Per questo motivo gli unici ad usare tali apparecchiature per ora sono i grandi registi di Hollywood, per i comuni mortali ci sono i modelli base, degni di nota certamente ma, dopo aver visto le potenzialità delle componenti top di gamma, lasciano un po’ l’amaro in bocca. Nulla vieta che se avete qualche conoscenza in qualche farm di editing video agli Universal Studio e se avete deciso che il filmino di Natale quest’anno deve essere un po’ più “pro”, potreste anche volervi fare un bel regalo. Ma fantasie a parte, l’approccio totalmente modulare potrebbe essere veramente un toccasana per il mercato foto/video, consentendo finalmente all’utente di costruirsi un modello che rispetti le proprie necessità anche nei minimi dettagli e con la possibilità di aggiornare di volta in volta solo lo strettamente necessario.

RED Scarlet - EPIC

Da: PCtuner.it

Specifiche tecniche e moduli:

Clicca pe leggere le specifiche

Tags: , ,

Categoria: News

Discuti su Facebook