Con Lytro il punto di fuoco lo decidi dopo!

| 06/07/2011 | 1.639 Letture |

Da alcune settimane sono usciti diversi articoli e video che mostrano una misteriosa fotocamera, chiamata “Lytro”, che genera dei file sui quali è possibile decidere successivamente allo scatto il piano di fuoco e permette cambiarlo liberamente con un semplice clik, il tutto in editing e non in fase realizzativa. La società che la sta sviluppando ha realizzato  è in grado di registrare l’intensità e la direzione dei singoli raggi di luce e di immagazzinare queste informazioni nell’immagine, procedimento ben diverso dai soliti sensori che rilevano la quantità complessiva di luce da una scena appiattendo l’immagine. Per capire meglio questa nuova generazione di fotocamere bisogna introdurre un nuovo concetto, quello di “Light Field

Il concetto di ”light field“ (campo di luce) è un punto fondamentale della scienza dell’immagine: esso infatti rappresenta la quantità di luce che viaggia in ogni direzione in ogni punto nello spazio, normalmente impossibile da catturare nei normali sensori.

Definizione di Wikipedia: The light field is a function that describes the amount of light traveling in every direction through every point in space. Michael Faraday was the first to propose (in an 1846 lecture entitled “Thoughts on Ray Vibrations”) that light should be interpreted as a field, much like the magnetic fields on which he had been working for several years. The phrase light field was coined by Alexander Gershun in a classic paper on the radiometric properties of light in three-dimensional space (1936). The phrase has been redefined by researchers in computer graphics to mean something slightly different.http://en.wikipedia.org/wiki/Light_field

Per registrare il “campo di luce” è necessaria una nuova generazione di sensori chiamati appunto “light field sensor” che catturano il colore, l’intensità e i vettori di direzione dei raggi di luce, informazione che nei normali sensori viene completamente persa.

Ecco un semplice esempio fornito dal sito ufficiale: http://www.lytro.com

Cliccando nella zona interessata della foto si potrà “mettere a fuoco” il soggetto apparentemente sfocato.



Tags:

Categoria: Attrezzatura

Discuti su Facebook